Blogs

Ortopedia: ‘Effettuati i primi interventi di protesi al ginocchio su misura’

Ortopedia: ‘Effettuati i primi interventi di protesi al ginocchio su misura’

Una nuova tecnica utilizzata da poche strutture ospedaliere. Il Presidio di Pesaro è tra i primi ad applicarla. Del Prete: “Numerosi vantaggi per i pazienti”.

Protesi al ginocchio su misura. Il primo intervento risale al Natale scorso, ma da quando l’unità operativa di Ortopedia del presidio ospedaliero San Salvatore di Pesaro degli Ospedali Riuniti Marche Nord ha attivato questa nuova ed innovativa procedura, sono oramai tre gli interventi effettuati con una tecnica avanzata e usata ancora da poche strutture ospedaliere. Proprio grazie a queste protesi al ginocchio costruite su misura, tre pazienti seguite da Giovanni Del Prete, primario dell’unità operativa di Pesaro, affette da artrosi in stato avanzato sono tornate a camminare a soli pochi giorni dall’intervento.

Non si tratta di protesi standard, ma di quelle costruite ad hoc: “Attraverso la Tac si riceve la forma anatomica del femore e della tibia – spiega il direttore di struttura complessa del presidio San Salvatore -. Da quelle immagini vengono create delle maschere su misura che garantiscono risultati ottimali per il chirurgo ma soprattutto per i pazienti. Le tre donne operate nel corso degli ultimi tre mesi, affette da una artrosi avanzata con una usura del manto cartilagineo, praticamente non riuscivano più a camminare ma dopo l’operazione chirurgica, in soli tre giorni, sono tornate alla loro quotidianità con un recupero ottimale nel giro di poche settimane”. Una novità nel panorama delle ricostruzioni visto che “in Italia ancora poche strutture applicano questa procedura”, precisa Del Prete che ha operato personalmente le pazienti che fino ad oggi si sono sottoposte a questa tecnica operatoria avanzata con l’utilizzo di programmi per il corretto posizionamento della maschera. “Lo studio del ginocchio – spiega il primario – viene eseguito prima dell’intervento arrivando in sala operatoria con una protesi fatta su misura per il paziente, riducendo al minimo i tempi chirurgici e la fase di convalescenza”.

Ma l’Ortopedia, dopo i passi in avanti fatti nel settore della protesica, sta potenziando i servizi e le prestazioni delle unità operative di Pesaro e Fano allargando le attività di specializzazione. “Appoggiati dalla nuova azienda Ospedali Riuniti Marche Nord – conclude il primario – è partito un progetto qualificato portato avanti dai professionisti dei due presidi ospedalieri per la chirurgia della spalla, con ambulatorio e sale operatorie dedicate”.

“Attraverso l’integrazione dei professionisti del San Salvatore e Santa Croce, stiamo definendo il quadro del nuovo modello ospedaliero concentrandoci sullo sviluppo di percorsi di cura innovativi e qualificati – conclude Lorena Mombello, direttore sanitario degli Ospedali Riuniti Marche Nord –. L’obiettivo è creare un punto di eccellenza al Nord delle Marche aumentando la produttività per frenare la fuga verso realtà limitrofe”.

da Ospedali Riuniti Marche Nord